Il 16 settembre 2020, il presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha pronunciato il suo primo discorso sullo Stato dell’Unione (SoU). La presidente della Commissione ora esercita un ruolo di leadership e di definizione dell’agenda all’interno del collegio più forte di quanto non fosse formalmente in passato.

Per la prima volta, una donna ha pronunciato il SoU e il tono del discorso lo ha rivelato. Le parole della commissaria Von der Leyen hanno avuto un tocco personale: si è riferita ai giovani, in particolar modo a Suadd, un’adolescente rifugiata arrivata a Dublino che nel giro di tre anni, si è aggiudicata una prestigiosa borsa di studio per studiare medicina. Ha poi fatto riferimento anche a Carola e Vittoria, le ragazze che durante il lockdown per il COVID-19 giocavano a tennis sopra i tetti in Italia.

Lo scopo del SoU è fissare un ordine del giorno e segnalare ciò che il Presidente della Commissione e il Collegio considerano le priorità fondamentali. È sempre un misto di obiettivi principali.

È anche un’occasione per la Presidente della Commissione per rafforzare il sostegno del Parlamento europeo per i prossimi pacchetti.

L’enfasi nel discorso è stata sia sull’Europa che sul più ampio sistema internazionale. Le parole Europa, Unione Europea e UE sono state le parole più usate seguite da riferimenti al mondo e al globale. Ciò sottolinea la centralità del vicinato dell’Europa e degli sviluppi nel sistema globale per il futuro dell’Unione. La fragilità era l’inquadratura dominante sullo stato attuale dell’Unione e del mondo; fragilità planetaria, fragilità della nostra comunità di valori e fragilità del resto del mondo.

La sua posizione politica era che “l’Europa aprisse la strada da questa fragilità verso una nuova vitalità” e la necessità di concentrarsi sulla “costruzione del mondo in cui vogliamo vivere”.

Inevitabile il tema sulla crisi dovuta al Covid-19. La performance dell’Europa durante la pandemia ela ripresa dal Covid sono stati argomenti predominante. Ha cercato di difendere la risposta dell’Unione alla crisi, ma soprattutto si è concentrata sul futuro. In una menzione della “Conferenza sul futuro dell’Europa”, ha chiesto un’Unione Europea della salute, riconoscendo che ciò implica competenze aggiuntive dell’UE in materia di salute, il che apre la questione della modifica del trattato.

Le principali politiche sono la Next Generation EU e il Green Deal europeo. L’obiettivo è la riduzione del 55% delle emissioni entro il 2030.

Nel mondo al di là dell’Europa, la Presidente ha ribadito l’impegno dell’UE per il sistema multilaterale globale. Per quanto riguarda le relazioni con le potenze globali, la Cina è stata definita “un partner negoziale, un concorrente economico e un rivale sistemico”. Questo è indice della determinazione dell’UE a riequilibrare questa relazione vitale. Inoltre, la presidente Von der Leyen non ha evitato di sollevare il tema sulle violazioni dei diritti umani a Hong Kong e della minoranza uigura in Cina. Poi si è rivolta ai vicini dell’Unione: Russia, Turchia e Regno Unito.

Tutti e tre sono grandi Stati al confine dell’UE e le relazioni con tutti e tre sono molto problematiche e impegnative.

Il miglioramento delle relazioni con la Russia è stato escluso a causa del suo ruolo nel vicinato, l’interferenza elettorale e l’avvelenamento di Alexei Navalny. Per quanto riguarda la Turchia, la presidente della Commissione ha concluso che vi è una distanza crescente tra la Turchia e l’Unione e che i tentativi della Turchia di intimidire i suoi vicini sono ingiustificati.

La presidente Von der Leyen ha riservato il suo più duro rimprovero al Regno Unito a causa della sua intenzione di introdurre un disegno di legge che infrange l’accordo di recesso che è entrato in vigore solo il 1 ° febbraio. Ha segnalato a Londra che il WA “non può essere modificato unilateralmente, o ignorato. applicato. Questa è una questione di legge, fiducia e buona fede ”.

Infine, la Presidente ha fatto riferimento all’introduzione della prossima settimana da parte della Commissione di un Nuovo Patto sulla Migrazione, una delle questioni più controverse dell’agenda dell’UE ma che richiede una risposta europea a seguito dell’incendio nel campo di Moria in Grecia.

La presidente von der Leyen si è trovata ad affrontare una grave crisi a pochi mesi dal suo insediamento: il  SoU nel 2021 ci dirà se sono stati compiuti progressi sulle grandi voci identificate in questo discorso.

Articolo scritto da: Brigid Laffan, Direttore e Professore presso il Robert Schuman Center for Advanced Studies presso l’Istituto Universitario Europeo (EUI), Firenze