Dopo così tanti anni di sforzi per costruire le proprie credenziali di politica estera, l’UE deve affrontare, nel Mediterraneo orientale, una vera prova delle sue ambizioni e capacità come attore di politica estera efficace.

Con la recente escalation nel Mediterraneo orientale, l’Unione europea ha raggiunto un momento di svolta.

Ora, la crisi nel Mediterraneo Orientale è una reale opportunità per dimostrare il raggiungimento della maggiore età dell’UE come attore credibile della politica estera.

Tuttavia, per lo stesso motivo, un’Unione europea divisa e inefficace dimostrerà che, date le circostanze, queste aspirazioni rimangono nient’altro che un obiettivo romantico.

Finora, l’UE ha avuto reali difficoltà a raggiungere una posizione comune in termini di come affrontare la situazione nel Mediterraneo orientale, dove Turchia, Grecia e Cipro sono in conflitto per il controllo delle risorse energetiche sottomarine.

La minaccia di Nicosia di bloccare le sanzioni previste dall’UE per la Bielorussia ha solo alzato la posta in gioco per l’UE.

Gli intransigenti guidati da Francia, Grecia e Cipro hanno difeso una politica dell’UE forte e reazionaria con sanzioni mirate contro la Turchia.

La loro affermazione si basa sul presupposto che la Turchia abbia violato la sovranità nazionale di Grecia e Cipro impegnandosi in ricerche sismiche e perforazioni nelle zone economiche esclusive di questi due Stati membri dell’UE.

La retorica combattiva della leadership turca combinata con un’eccessiva dipendenza dalle tattiche del duro potere ha contribuito a rafforzare la percezione nell’opinione pubblica europea della Turchia come aggressore.

Tuttavia questo presupposto è molto difficile da difendere.

Innanzitutto, l’affermazione secondo cui l’area di operazione della nave turca si sovrappone alla piattaforma continentale della Grecia.

È così che la Grecia finisce con un ampio confine marittimo a scapito della Turchia, il paese con la spiaggia più lunga di tutto il Mediterraneo.

È vero che, ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, le isole hanno piattaforme continentali.

Ma la convenzione formalizza il diritto di rivendicare una piattaforma continentale, non la sua portata.

In realtà, la dimensione della piattaforma continentale di un’isola dipende da molti fattori, come la sua popolazione, la sua vicinanza alla terraferma e il suo livello di attività economica residua.

Per contrastare le affermazioni greche, la Turchia ha avanzato la propria ipotetica mappa per la spartizione del Mediterraneo orientale.

La versione turca del Mare Nostrum – il Mediterraneo – come formalizzata dall’accordo sul confine marittimo tra Turchia e Libia del novembre 2019 non concede alcuna piattaforma continentale né zona economica esclusiva alle isole greche.

A Rodi e Creta vengono assegnate solo 6 miglia nautiche di acque territoriali. Un argomento difficile da difendere per la maggior parte delle isole, ma più facile da capire dato che la disputa si è ora trasformata in una battaglia di narrazioni massimaliste.

Più a est, l’attuale divisione politica di Cipro crea ancora un altro strato di complicazioni.

L’esistenza di due diverse strutture statali – con la Repubblica turca di Cipro del Nord riconosciuta a livello internazionale solo dalla Turchia – porta a rivendicazioni sui diritti di esplorazione di idrocarburi nella zona economica esclusiva di Cipro.

Le manovre della Turchia sono in realtà una reazione alle conseguenze provocate dall’errore strategico che ha permesso a Cipro di diventare membro dell’UE nonostante la sua divisione politica in corso.

Consapevole di questi fatti, il cancelliere tedesco Angela Merkel si è sforzato di posizionare la Germania come mediatore e riposizionare l’UE come un facilitatore credibile.

Su iniziativa di Berlino, le delegazioni di alto livello della Turchia e della Grecia si sono incontrate nel luglio 2020, la prima volta da quando i colloqui bilaterali sono stati sospesi nel 2016 a seguito del colpo di stato militare fallito in Turchia.

Lo scopo della diplomazia tedesca è quello di creare le condizioni affinché Ankara e Atene risolvano le loro numerose controversie direttamente.

Non è un caso che sia il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan sia il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis abbiano chiesto negoziati diretti come via da seguire.

Eppure gli sforzi della Germania sono minati dal suo stesso alleato dell’UE, la Francia.

Appoggiando la posizione greca e inviando le proprie navi da guerra  nella regione, Parigi non solo ha contribuito alla militarizzazione del conflitto, danneggiando anche le prospettive dei negoziati e incentivando i sostenitori della linea dura in Grecia e in Turchia.

Ad Ankara, le dichiarazioni del presidente francese Macron sono lette come un riconoscimento  della posizione greca secondo cui l’unica fonte del conflitto è la riluttanza della Turchia ad accettare la sovranità greca sul Mediterraneo orientale.

Le sue dichiarazioni sono anche utilizzate per giustificare l’argomento secondo cui l’UE non può avere alcun ruolo nella gestione di questa controversia.

Dopo così tanti anni di sforzi per costruire le proprie credenziali di politica estera, l’UE deve affrontare, nel Mediterraneo orientale, una vera prova delle sue ambizioni e capacità come attore di politica estera efficace.

E il risultato sarà determinato dal fatto che la propensione della Germania al neutralismo e alla diplomazia intelligente possa superare le aspirazioni francesi all’unilateralismo e allo scontro con il potere duro.

Articolo di: SINAN ÜLGEN